Fotografia e Zodiaco

Fotografia e Zodiaco, un binomio inusuale. Le caratteristiche del Segno Zodiacale possono influire sul nostro modo di fare fotografia?

di Rita Manganello

Lo Zodiaco

Un argomento popolare come l’astrologia entra come divertissement in ArteVitae, tentando una temeraria associazione con la fotografia. Fortemente incline al pensiero razionale, non so come mi sia venuta in mente un’idea bizzarra come questa, ma voglio provare a parlarne, nei limiti di un confronto plausibile tra una credenza che la scienza definisce infondata e irrazionale e la diffusa presenza di oroscopi che invadono la nostra quotidianità sulla carta stampata, in rete e qualsiasi altro mezzo di comunicazione: molti conoscono il proprio segno zodiacale, pochi il gruppo sanguigno. Del resto anche Carl Gustav Jung, celeberrimo studioso di psicologia, antropologia, storia delle religioni e teorico della disciplina che definì psicologia analitica, faceva ricorso all’esame del tema natale dei suoi pazienti, quando si trovava in difficoltà nel decifrare il loro disagio psichico.

La predisposizione dell’individuo è già un fattore nell’infanzia, non acquisita durante l’esistenza.

(C.G. Jung, Tipi Psicologici, Bollati Boringhieri)

Molto più modestamente, ben lontana dalla vertiginosa statura intellettuale di cotanto personaggio, azzarderei qualche ipotesi circa l’influenza che il segno zodiacale di nascita può avere nel nostro modo di fare fotografia, quindi faccio riferimento unicamente alle caratteristiche di base, senza entrare nel merito delle relazione fra i pianeti nel tema natale dei fotografi che prendo in considerazione, o del carattere predittivo di un oroscopo. Mi occupo principalmente di critica fotografica, non di astrologia.

I fotografi inclusi in questo esperimento sono: Stefano Barattini, Capricorno – 4 gennaio – Roberto Mac al secolo Roberto Maglio, Toro – 13 maggio – e Lorenzo De Francesco, Cancro – 26 giugno –

Il Capricorno

Il Capricorno in fotografia non può rinunciare al rigore costruttivo di un’immagine, a uno stile asciutto nella composizione più che mai curata e per nulla ridondante; in definitiva ad una ricerca dell’essenza del soggetto, solidamente ancorato nel contesto che lo individua. Selettivo per natura.

Stefano Barattini – Foto di Claudio Manenti

Il Capricorno, segno di terra governato da Saturno e dominio del razionale, è il perfetto interprete della fotografia di architettura, pulita, elegante, no frills. Stefano Barattini, rappresentante del segno, mostra anche uno spiccato interesse nei confronti dell’archeologia industriale e degli edifici abbandonati e carichi di storia, caduti in disuso e resi obsoleti dall’abbandono. Testimonianze di sue ricerche sul territorio, in Italia e all’estero, sono ampiamente documentate in alcune esposizioni fra le quali vorrei ricordare Portraits of Dust, tributo a eleganti dimore di un tempo delle quali oggi non rimane che polvere.

Mentre con Oltre la Fabbrica, l’autore tenta un recupero della memoria, apparentemente ideologico, di quello che fu il nostro passato industriale. Nessuna ideologia in questo racconto fotografico, bensì l’intenzione di restituire dignità a quelle realtà dimenticate, cardine del nostro dinamismo produttivo.

La parola chiave è: selettività.

Il Toro

Ora salutiamo il severo Capricorno e ci avviciniamo al più sanguigno Toro, governato da Venere: la bellezza, l’arte, la passione, l’estetica. Roberto Mac ci delizia quotidianamente, sulle pagine di fotografia sui social e non solo, di immagini nelle quali risiede l’estetica e il vitalismo di una fotografia a tratti pittorica nella scelta dei soggetti e delle ambientazioni paesaggistiche.

Roberto Mac

La fotografia d’elezione per chi vuole evadere dalla monotonia del quotidiano. Montagne, campagna, laghi e giardini, ci lasciamo accarezzare da queste visioni arcadiche avvolgenti, grazie alla connessione che l’autore riesce a stabilire con i luoghi. La semplicità elevata a elemento referenziale nell’organizzazione dell’immagine. Postproduzione morbida come chiede la Venere sensuale del Toro.

La parole chiave è: godimento.

Il Cancro

L’ultimo capitolo di questo breve esercizio di “astrofotografia” vede protagonista un appartenente al segno lunare del Cancro: Lorenzo De Francesco, il quale incarna benissimo questa tipologia nel fotografare. Dominato dalla Luna, signora del segno, il cancerino ci viene descritto come individuo dal carattere mutevole, umbratile, a volte limpido come l’acqua sorgiva, elemento attribuito al segno.

Lorenzo De Francesco

Ma non solo, direi visionario ed emotivo quanto il soggetto Pesci, il cancerino umorale oscilla tra gli abissi misteriosi del suo inconscio e le sommità del sogno lucido nel momento apicale, quando tutto accade o sfugge perdendosi nelle nebbie di un’emozione che lo trascende. 

Da qui la sua fotografia: inconscio come linguaggio, non grezzo e pulsionale o istintuale, ma enigmatico e sofisticato, lo devi saper interpretare.

La parola chiave è: straniamento.

Amanti della fotografia, mi auguro che questa parentesi ludica dedicata all’astrofotografia abbia sortito curiosità e divertimento e che la ricerca del punctum barthesiano sia ispirata, d’ora in avanti e se lo vorrete,  da questa modalità interpretativa da prendere con la leggerezza che merita.


Note biografiche sull’autrice

Rita è milanese di nascita, amante della fotografia e del cinema da quando ha memoria. Dopo gli studi classici e la Scuola di Giornalismo, ha lavorato in società multinazionali di primaria importanza nell’area della comunicazione e delle risorse umane, maturando un profilo professionale che le consente, oggi, di avere uno sguardo aperto alla contemporaneità. Giunta a fine carriera torna a dedicarsi alle passioni di un tempo fra cui la fotografia, il cinema, l’arte e la letteratura. Alterna l’attività di esplorazione fotografica a quella redazionale. Si occupa di lettura dell’immagine per i colleghi fotografi e scrive per la rivista online Note Fotografiche.

One Reply to “Fotografia e Zodiaco”

La tua opinione ci interessa. Facci sapere cosa ne pensi. Grazie!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: