Autore: Cristiana Zamboni

Una calda estate tra i misteri della Primavera e selfie

Che quella del 2020 sarà ricordata come una calda estate strana, è ormai assodato. E seppur si muove fra sole, tramonti e tormentoni, è da sottolineare che...

Il grido dell’arte di Giusy Baffi

“Mi chiamo Arte, anzi voi mi chiamate Arte. Ma mi avete offesa, vilipesa, menomata, trascurata, gettata, dimenticata. Sono stata violata da mani irrispettose e incuranti di storia...

Françoise Gilot, la dea dell’arte che sfuggì al Minotauro

E nonostante le nostre concomitanti vite aleggiano in un mondo perennemente rivolto al futuro, ai viaggi nello spazio e al progresso in cui perfino l’arte intinge il...

Carol Rama, il crepuscolo dell’arte

Ci sono momenti nella vita in cui cerchi, disperatamente, qualcosa di vero, perchè niente di quel che ti circonda sembra vero e persino un bacio sembra la...

Keith Haring, tra obvius e arte

Spesso le metafore nell’arte servono a  rappresentare scomode e celate realtà nonostante siano evidenti, forse troppo crude per poter essere accettate da un pubblico filisteo ma proprio...

Siamo tutti “Passeggeri notturni”

Stazione Centrale a Milano è stranamente deserta e la luce del tramonto filtra dal tunnel in fondo alla Cattedrale del Movimento, così la chiamava Ulisse Stacchini. Le...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: