Apre a Milano il tanto atteso Apple Store

Apre il tanto atteso Apple Store in piazza Liberty a Milano nel nuovo, spettacolare set disegnato dall’archistar Norman Foster che ha rivoluzionato la piazza.

di Rita Manganello

Nuovo Apple Store Milano Piazza Liberty

Il 26 luglio 2018 evento epocale per i fan del marchio Apple: apre il tanto atteso Apple Store in piazza Liberty a Milano. Dopo aver fatto fuori il caro e compianto cinema Apollo, il megastore monumento alla civiltà dei simulacri si offre alla vista e al godimento dei cittadini e dei turisti.

Il turismo totemico degli amanti della tecnologia griffata dell’azienda di Cupertino induce i soggetti a sopportare code estenuanti fin dalla notte precedente l’apertura, con piglio sicuro e compiaciuto: “Ho dormito qui fuori, ne valeva la pena” afferma soddisfatto un giovane proveniente da Venezia, assiduo consumatore dei prodotti Apple, sentendosi parte di una comunità, di un mondo unitario che distribuisce l’effimero valore di un’appartenenza irreperibile altrove.

L’ovazione quando alle 16.30 escono i 100 dipendenti del negozio, i controlli di sicurezza con i metal detector e ore di attesa sotto il sole: così l’apertura si trasforma in un evento. Repubblica 26/7/18

Ecco, il rito si è compiuto e la festosa attesa si trasforma in un tripudio orgonico di gente beata di ciò che finalmente accade. Lo store è aperto ai visitatori che scattano spasmodici selfie tra le merci esposte, la musica a palla in un interno high -tech minimal, ben attrezzato con schermi giganti che vibrano i loro contenuti sulla folla in delirio.

Oggi è diventata consuetudine rapportarci con i nostri simili, nel nostro vivere  sociale, attraverso la mediazione di uno schermo che sia IPhone, IPad, Mac, nello specifico caso di questo segmento di mercato; parafrasando David Cronenberg, noto regista, sceneggiatore e scrittore canadese, riporto un contributo di Alfredo Caputo, giovane studioso di filosofia:

La lotta per il possesso delle menti, dovrà essere combattuta in una social-arena, col socialdrome. Lo schermo virtuale, ormai, è il vero unico occhio dell’uomo. Ne consegue che lo schermo virtuale fa ormai parte della struttura fisica del cervello umano. Ne consegue che quello che appare sul nostro schermo virtuale emerge come una cruda esperienza per noi che guardiamo.

 

Una visione un po’ inquietante ma nemmeno tanto romanzesca; lascio a voi decidere.

Un cenno a parte merita la fontana di cristallo, progettata da Stefan Behling dello studio Norman Foster. Un frizzante zampillare acqua a ridosso di un parallelepipedo  alto otto metri.  Sarebbero due, le cascatelle d’acqua, una per lato, ma al momento ne funziona una sola. Una visione rifrescante in questa stagione. La costruzione trasparente, portatrice di leggerezza e limpidezza, sormonta la scala che conduce a un ipogeo dove alloggia lo store. La fontana troneggia sull’anfiteatro che sarà sede di  eventi “di tutti i tipi e che vogliono coinvolgere più persone possibili, anche nell’ideazione”, racconta Giuseppe Caropreso, responsabile dei mercati del Sud Europa, con l’intento di sottolineare la portata del progetto.

L’ urbanesimo del terzo millennio ha inciso un  nuovo solco nella tradizione che volge gradualmente al rinnovamento; la città che ne pensa di tutto ciò?

[Ndr]: tutte le immagini contenute in questo articolo sono prese dal web, ove non diversamente indicato.


Note biografiche sull’autrice

Rita è milanese di nascita, amante della fotografia e del cinema da quando ha memoria. Dopo gli studi classici e la Scuola di Giornalismo, ha lavorato in società multinazionali di primaria importanza nell’area della comunicazione e delle risorse umane, maturando un profilo professionale che le consente, oggi, di avere uno sguardo aperto alla contemporaneità. Giunta a fine carriera torna a dedicarsi alle passioni di un tempo fra cui la fotografia, il cinema, l’arte e la letteratura. Alterna l’attività di esplorazione fotografica a quella redazionale e si occupa di lettura dell’immagine per i colleghi fotografi.

2 Replies to “Apre a Milano il tanto atteso Apple Store”

  1. Complimenti Rita, come sempre sei puntuale a portarci in un viaggio immaginario ma reale la dove il domani è già ora .. bell’invito a riflettere e anche a farne parte di questa nuova era.
    Brava! spero di venire su presto… a vederlo e a vederti … Complimenti!!
    .

La tua opinione ci interessa. Facci sapere cosa ne pensi. Grazie!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: